Strumento sempre più frequentemente soggetto ad amplificazione, il contrabbasso appare come un dinosauro nell’era moderna: da 500 anni il suo aspetto è sostanzialmente immutato e forse, più degli altri membri della famiglia degli archi, si sforza per restare al passo coi tempi rimanendo tra mille fatiche ancora attuale e ricercato nei più disparati ambiti musicali.

 
La tecnologia, l’evoluzione dei linguaggi e dello strumentismo gli richiedono però sempre di più la comodità e la maneggevolezza nell’essere suonato e trasportato ed è questo credo lo sforzo maggiore che debba fare il liutaio contemporaneo: aiutare questo dinosauro a circolare ancora nelle metropoli della musica di tutto il mondo.